image1 image2 image3

Home

Una chiaccherata dal Kenya

di Marisa Benaglia - Majengo, Kenya - Giugno 2011

Cari amici di Solidarietà Kenya, come ad un appuntamento mi preparo per raccontarvi tante belle novità sul nostro operato grazie ai vostri calorosi aiuti.

Sono rientrata in Kenya il 6 Giugno dopo una breve permanenza di tre settimane in Italia e durante questo periodo un po' di cose sono cambiate. Il mais con il periodo delle piogge è cresciuto moltissimo e fra poche settimane possiamo raccoglierlo, mentre la tapioca sarà pronta per febbraio prossimo. Ancora tanto da aspettare ma poi ci sarà da mangiare per tutti i bambini e potremo anche venderla. La novità principale è che anche se la scuola è in costruzione, la maestra Sidi ha già iniziato ad usare le aule: durante il periodo delle piogge si sono riparati nelle due aule con il tetto e hanno potuto così fare lezione.

Una cosa che mi ha fatto piacere è vedere come le maestre hanno insegnato ai bimbi a prendersi cura del dispensario, della scuola e del centro: hanno creato delle aiuole con dei sassi che le delimitano, hanno piantato bouganville di tutti i colori lungo la recinzione, hanno messo delle tende alle finestre del dispensario e il tutto per abbellire il centro. Questo decoro, nato dalla loro iniziativa, è per me come un silenzioso ringraziamento ai nostri benefattori.

Dovreste vedere come è grande il campo coltivato: ci sono pomodori, fagioli, melanzane, fagiolini, zucchine, angurie, piante di banane, piante di papaia e una bella estensione di mais e di tapioca. Nella fattoria sono nati anche cinque caprettini.

Il negozietto che abbiamo aperto con vendita di manghi, di piccoli oggetti creati dai bambini, di vestiti e scarpe usate portate dall'Italia sta dando i suoi frutti: riusciamo così a pagare il conto dell'acqua!

Una novità è che quest'anno ospitiamo dieci ragazzi al centro di Majengo: con pochi euro al giorno possono fare un'esperienza di vacanza solidale. Sono ragazzi dei dintorni di Erba, a loro spetta un compito semplice: dovranno seguire i bambini dai 3 ai 9 anni durante i giochi o le lezioni che si tengono al centro; si condividerà il pranzo e la merenda e magari si insegneranno nozioni utili ai bambini, si porterà a casa un bagaglio di emozioni infinito e ricordi, immagino splendidi.

Anche questo è un modo per aiutare il Centro Tabasamu che è dotato di alcuni confort: c'è l'acqua, la corrente elettrica, ci sono i letti, le docce, le toilet e la lavanderia. Non c'è la televisione ma ci sono dei ragazzi con la chitarra e poi si fa un'esperienza di gioia e di condivisione! Ci sarà anche il tempo per portare in gita i bambini.

Noi anche con questi piccoli aiuti cerchiamo di far fronte ai costi delle costruzioni, perchè non possiamo lasciare i lavori in sospeso e quindi vi invitiamo a unirvi a noi in questa vacanza, magari nel mese di luglio o di settembre: più siamo, più diamo una mano. Possiamo anche ospitare in un resort a Malindi persone che vogliono insegnare un mestiere, che so una sarta in pensione, piuttosto che un'elettricista o un falegname, persone che vogliono donare la loro esperienza e il loro tempo libero, infermiere che insegnano le prime nozioni di pronto soccorso... O semplicemente insegnare l'inglese! Tutti possiamo dare una mano, basta venga fatto con il cuore.

Se qualcuno volesse anche donare l'arredamento di un'aula scolastica, noi siamo felicissimi, perché ci manca tutto: dai banchi alla cattedra. Abbiamo solo un enorme lavagna murale!

Grazie sinceri per questa chiacchierata e un presto arrivederci... Vi aspetto numerosi!

Con affetto,

Marisa

2019  Solidarietà Kenya Onlus