Newsletter Gennaio 2022

UN ENORME GRAZIE A TUTTI I NOSTRI BENEFATTORI DEL 2021: NONOSTANTE LA PANDEMIA, LA VOSTRA GENEROSITA’ CI HA CONSENTITO DI FARE TANTISSIME COSE PER I NOSTRI BIMBI E PER LA COMUNITA’ DI KAEMBENI E DINTORNI.

I RINGRAZIAMENTI SONO DOVUTI IN PARTICOLAR MODO ALLO “STAFF DELLA FONDAZIONE ROCKEFELLER-BELLAGIO CENTER” (1° Benefattore in assoluto), AL GRUPPO “GLI AMICI DI FLORIANA”, AL GRUPPO FAMIGLIA VERGANI, AI TANTISSIMI PRIVATI CON DONAZIONI LIBERE, A PROGETTO O DI SOSTEGNO (ex adozioni a distanza), AL 5X1000, …. VI SIAMO RICONOSCENTI PER LA FIDUCIA ACCORDATA, PER IL LAVORO CHE SVOLGIAMO IN MEMORIA DELL’AMATA E INDIMENTICATA MARISA, A CUI è DEDICATO IL CENTRO.   

 

BUON ANNO A TUTTI DAL TABASAMU CENTRE!

Riprendo a raccontarvi da dove Vi ho lasciato nell’ultima newsletter di Dicembre 2021:

 

Lunedì 20.12 ho anticipato il saldo dello stipendio mensile a tutti i lavoratori, aderendo alla richiesta degli interessati, per disporre di liquidità per le feste natalizie.

Martedì 21.12 ho dovuto portare il generatore dal fundi (artigiano) per ripararlo a causa di un uso scorretto nel corso del matrimonio: l’offerta d’affitto del Tabasamu Hall ricevuta si è ridotta di parecchio per la spesa imprevista del generatore. Come ho avuto occasione di riferire anzitempo alla Manager e al Preside, occorre molta attenzione nel dare consenso all’utilizzo di macchinari, considerato che non usano buone maniere … e se rompono …. non pagano.

Mercoledì 22.12 Claudio, di fronte alla manager Mary e al Preside Edward, ha aperto le buste con le Applications e i Curriculum Vitae dei lavoratori presentate il 15.12. Ha fatto seguito una prima scelta, per il maggior numero di lavoratori, che ci ha trovati subito tutti e tre d’accordo nel decidere a quali rinnovare o non rinnovare l’attività lavorativa al Centro.

Claudio ha organizzato cibo a Loyce “maggiorato” per il S. Natale. Ora Loyce, con il programma alimentare ripreso, è migliorata molto: mi guarda e riesce a pronunciare un leggero sorriso. Con quegli occhioni è come se mi dicesse: GRAZIE!

 

Giovedì 23.12 abbiamo ulteriormente discusso i casi dei lavoratori con problemi e abbiamo iniziato ad avere singoli colloqui con i lavoratori per il rinnovo del contratto.

Venerdì 24.12 alle ore 24,00 S. Messa al Tabasamu Hall. Continua la collaborazione con la Diocesi di Malindi e il Parroco Father Samuel. Sono molto felice di aver dato la possibilità di celebrare la S. Messa della nascita di Gesù, a cui purtroppo, per questione di prudenza (e sicurezza), non ho potuto partecipare.

Sabato 25.12 al Royal Tulia Home, facilitato dall’assoluta tranquillità, mi ha fatto visita un airone a bordo piscina:

 

 

Lunedì 27.12 è stata considerata festa (Boxing Day) spostata di un giorno, da domenica. Claudio e Mary hanno usato la giornata per preparare la lettera di promozione di Edwin a Vice Preside (sostituisce Habel) e approntare il nuovo anno.  

Martedì 28.12 sono continuati i colloqui con i lavoratori. Il maestro Joseph (che ha presentato richiesta per essere ripreso ad insegnare: era stato allontanato a giugno ’21) è stato ripreso dopo un lungo colloquio approfondito e chiarificatore sulle motivazioni e incomprensioni sorte a seguito di rapporti deteriorati con il precedente management.

Giovedì 30.12 abbiamo pagato il Service Pay annuale (per gli italiani è conosciuto con il termine tfr) a tutti i lavoratori; nel corso dell’anno 2021 tutti hanno usufruito delle ferie pagate di 21 giorni lavorativi, come per legge. Non pensiate che essendo in Africa non ci siano balzelli, burocrazie, costi aggiuntivi,… nella gestione di un’attività, seppur solidale. Ogni anno dobbiamo pagare un commercialista e una società esterna Revisore dei Conti per il bilancio, relazionarci con l’ufficio pubblico delle NGO per pagare le rate annuali, un ragioniere per predisporre i pagamenti mensili della sanità, delle pensioni  e delle tasse dei lavoratori, pagare le quote annuali per il dispensario, per la scuola, i corsi di aggiornamento dei lavoratori, … un’infinità di adempimenti costosi, non ultimo lo school van con ispezione per il limitatore della velocità e per l’efficienza del mezzo di trasporto. Nell’andare ogni giorno al Tabasamu con la Toyota Noah subisco controlli al mezzo e alla mia patente, l’assicurazione del mezzo, il consumo dei pneumatici, ecc. I governanti attingono le leggi dall’UK e dagli USA e sono molto prolifici nelle disposizioni legislative. Tutto funzionerebbe alla perfezione se non ci fosse … la corruzione. Noi  “Wazungu” (bianchi) che svolgiamo attività solidale sul loro territorio, siamo maggiormente sotto la loro lente.  

DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO PREVISTO ALL’INIZIO DELL’ANNO 2021 HO REALIZZATO LA MAGGIOR PARTE DELLE OPERE, MA NE SONO RIMASTE DUE NON ESEGUITE:

Impianto elettrico a 8 aule della Primary School.

Recinzione al plot della chiesa e casa parrocchiale (ho € 2.000 donati da Don Giovanni A., ma ne mancano altri € 5.000). Quest’opera è per noi importante per la sicurezza del Tabasamu perché l’area è attigua al Centro e ci lascia un fianco scoperto riguardo la sicurezza notturna. Abbiamo due guardie notturne, ma l’area del Tabasamu C. è talmente grande  che servirebbe un’intera squadra di guardie notturne, insomma ci serve questa recinzione: lo dimostra il fatto che sono state rubate 6 foto dai pannelli della Mostra Permanente (accessibile dal terreno attiguo aperto della chiesa e in futuro (quando sarà possibile) dovremo recintare con muro anche la grande porzione di terreno dedicata alla coltivazione, che nella notte del 31.12 è stata violata da malintenzionati introdottisi, ma fortunatamente i nostri askari li hanno fatti scappare.

    

 

Le Modifiche previste alla staff house (ex casa delle suore) previste per dare accesso diretto dall’esterno a 2 camere per insegnanti maschi (e separarle dalle altre camere occupate dalle femmine), non si sono rese necessarie, per cambio programma: ora dormono le ragazze della classe 8 con la  Matrona e Faida con la bimba (oltre a Sidi sino al 04.12.21); mentre il dr. Isaac dorme nella casa dedicata in zona dispensario e i maestri Kombe (fino al 31.12) e John dormono (ognuno in propria camera) nell’edificio sportivo, dietro il Tabasamu Hall. La maestra Farida (moglie del nostro precedente ostetrico Toya Baya) ha dormito anch’essa, col piccolo bimbo appena nato, sino al 31.12, in apposita camera dello stesso edificio.

1° GENNAIO 2022: SI RIPARTE CON SPIRITO NUOVO, CON UNO STAFF

RINNOVATO E BEN MOTIVATO

Questa data segna uno spartiacque per i grandi cambiamenti che si sono concretizzati al TABASAMU CENTRE. Il grande lavoro organizzativo compiuto da Claudio affiancato da Mary e Edward, per un NUOVO Tabasamu Centre, ha determinato la seguente situazione aggiornata del personale:

  1. CLAUDIO BENAGLIA                               DIRECTOR
  2. MARY ETHEKON                       MANAGER
  3. EDWARD MUSA                       HEAD TEACHER TABASAMU PRIMARY SCHOOL and E.C.D. NURSERY
  4. EDWIN KAINGU                       DEPUTY H. T. TABASAMU PRIMARY SCHOOL
  5. JOYCE MLEWA                          DEPUTY H.T. E.C.D. NURSERY
  6. JOSEPH KARISA                        TEACHER PRIMARY S. (ritornato tra noi)
  7. JOHN NYAWA                           TEACHER PRIMARY S.
  8. GETRIDE MWIKALI                  TEACHER PRIMARY S.
  9. FLORENCE MWIKALI              TEACHER PRIMARY S.
  10. SAFARI BARAKA                       TEACHER PRIMARY S.
  11. AGNES PILI                                 TEACHER PRIMARY S.
  12. FURAHA LUWALI                     TEACHER PRIMARY S.
  13. EUNICE NYEVU                         TEACHER PRIMARY S.
  14. 14.   VENESA U. CHARO                 NEW TEACHER PRIMARY S.
  15. 15.   SARAH MUAKA MASHA       NEW TEACHER PRIMARY S.
  16. GLADYS RAHISI                         E.C.D. TEACHER
  17. FLORENCE KACHE                    E.C.D. TEACHER
  18. TUMANINI MAZIMA                              E.C.D. TEACHER
  19. MARY MTUKU                          E.C.D. TEACHER
  20. FURAHA RAMBO                     DRIVER SCHOOL VAN
  21. SALMA RAJAB                           COOK
  22. KATANA KAHINDI                    COOK
  23. DONALD BAHATI                      NIGHT ASKARI
  24. SAMUEL KAMTU                      NIGHT ASKARI
  25. 25.   JOSHUA MBITHA                    NEW DAY ASKARI
  26. JANET CHARO                           CLEANER
  27. SALAMA NGUMBAO              GARDENER
  28. 28.   MAGDALINE                             NEW MATRON
  29. WILLY KATANA                        PATRON
  30. MASHAKA                                  NEW BABY SITTER CHILD FAIDA (only 3 months)
  31. ISAAC OMAMBIA                    NURSE/MID WIFE
  32. ANDREW JEFWA                      PHYSIOTERAPHIST (n. 3 time/week)
  33. JANET KAINGU                         NURSE M.C.A. (dal 2022 n. 3 time/month)

Non fanno più parte dello staff 7 lavoratori:

SIDI storica assistente di Claudio

HABEL prima Preside, poi Vice Preside

THOMAS KOMBE Teacher

FARIDA Teacher

FLORENCE matrona (sorella di Sidi) Classe 8

JOYCE cleaner

HELLEN (grande amica di Sidi in business con shop) prima maestra, poi day askari, infine cuoca boarding class 8

Hanno cambiato tipo di lavoro:

JANET da Askari diurno a Cleaner

Ha incrementato lavoro e stipendio:

SALMA cuoca anche per la cena (ore 20,00) e la colazione (ore 6,00) della Classe 8

Hanno aumentato lo stipendio per meriti:

MARY (Manager)

EDWARD (Preside)

EDWIN (vice preside)

SAFARI (assistente del Preside)

Ammonito per scarso rendimento sul lavoro è in osservazione per 1 mese:

SALAMA gardener

Con la nuova gestione, i lavoratori che ricevono lo stipendio da gennaio ’22, sono 32 (fino a dic. ‘21 erano 36).

Dopo la comunicazione ufficiale (avvenuta il 31.12) ai 7 lavoratori a cui non abbiamo rinnovato il contratto nel 2022, Sidi e Habel hanno cercato di sabotare il Tabasamu, invitando la popolazione della loro area d’appartenenza, di non inviare i loro bambini al Tabasamu. Inoltre si sono recati al Labour Office di Malindi per reclamare altri soldi (oltre allo stipendio e al Tfr ricevuti, ferie pagate,…) dicendo che sono stati licenziati, ma che non è vero, in quanto Claudio il 01.12.21, un mese prima della scadenza del contratto, con lettera controfirmata da tutti i lavoratori, ha chiesto loro di presentare entro il 15.12.21 un proprio Curriculum Vitae con richiesta di impiego per valutare a chi confermare l’impiego nel 2022; il contratto in essere è annuale, scaduto appunto il 31.12.21. La Manager Mary ha chiarito la nostra posizione corretta il 13.01 presso l’Ufficio preposto alla salvaguardia dei lavoratori in Malindi e Claudio il 27.01 in contradditorio. Nel corso del meeting, Sidi non ha voluto riconoscere una sua firma, su un documento redatto da Sister Beatrice e nelle numerose lamentele è andata indietro fino al 2012 per non essergli stato riconosciute extra ore di lavoro quando con Marisa si era recata per qualche domenica con i bimbi al Dorado Village per promuovere S.K.O.: ma nel gennaio 2016 ha firmato un documento liberatorio, in cui con la somma di denaro ricevuta, dichiarava che nulla aveva a pretendere per il periodo 2009-2015. L’atteggiamento provocatorio, egoistico, di aperta sfida, teso a raccogliere altri fondi da S.K.O., ha prodotto una rottura con Claudio. Incredibile la cattiveria, direi primordiale, con cui si è espressa. Per fortuna la funzionaria del Labour Office si è dimostrata corretta e, di fronte ai documenti in originale prodotti da Claudio, ha smontato tutte le richieste di soldi richiesti da Sidi, peraltro diverse richieste ormai prescritte per legge. Ciò nonostante ha comunicato alla funzionaria che si ritiene insoddisfatta e si rivolgerà alla Contea di Kilifi.    

Lunedì 03 inizio del 3° trimestre dell’anno scolastico 2021. I genitori iniziano a partecipare alle school fees del 3° trimestre concordate a dicembre. Naturalmente gli orfani e i casi di estrema povertà sono esonerati.

Lunedì 03 meeting consueto della Manager Mary con il gruppo “Gender Project”.

Lunedì 03 sono venuti (separatamente) a trovare Claudio al Tabasamu C. sia il Parroco Father Samuel Kenga che il Presidente della Comunità Cattolica di Kaembeni Francis, per gli auguri di Buon Anno. Abbiamo rimarcato la volontà reciproca di collaborazione tra noi. Non hanno nascosto la soddisfazione per l’allontanamento di Sidi: a tal proposito stanno emergendo (ora che non è più presente, sia il personale che la comunità iniziano a parlare) alcune malefatte tese al personale arricchimento grazie al ruolo svolto al Tabasamu C.

Kenya Power (l’ENEL del Kenya) ha tolto la corrente elettrica a Kaembeni da prima di Natale fino al 05.01 a causa del Trasformatore obsoleto: una storia che si ripete da lungo tempo. Continuano a ripararlo (dopo insistenti solleciti), ma è vecchio e devono cambiarlo con uno nuovo!!! La mancanza di corrente non consente di ricevere l’acqua dalla rete dell’acquedotto. La gente è disperata, viene da noi a chiedere acqua e noi possiamo offrire solo quella piovana raccolta dalle tank. Ecco l’urgenza di avere un pozzo per noi e per la collettività. Pensavo di iniziare in dicembre, ma l’ufficio preposto al rilascio dell’autorizzazione è molto occupato (così mi dicono a seguito di un’ennesima chiamata di sollecito) fino a dopo le festività. Nel frattempo continuiamo a comprare benzina per il generatore e le pile per le torce.

Lunedì 03 abbiamo cambiato ben 5 rubinetti alle water tank rotti dagli alunni nel corso dell’ultima parte dell’anno 2021 e il fridge gard con la plug del frigorifero dei vaccini, a causa dei voltaggi instabili della fornitura elettrica:

 

Martedì 04 lungo meeting tra Claudio, il Preside, il Vice Preside e la Manager, per la messa a punto dell’organizzazione scolastica, in cui i parenti, con senso di responsabilità (ma richiedendo tempo), considerata la valenza del Tabasamu C. e del nostro operato, hanno accettato di partecipare (chi può) in questo ultimo terzo trimestre nella seguente modalità:

-          Con school fees per l’acquisto del cibo (ksh. 500/trimestre) + spese mediche (ksh. 100/trimestre).

-          Con transport fees (ksh. 20/trip) per coprire le spese di benzina del pulmino.

-          Con le uniformi degli alunni (aggiustandole o rinnovandole quando sono ammalorate)

Come ampiamente spiegato nelle varie newsletter dei mesi precedenti, il nuovo corso serve per sopperire alla crescita esponenziale dei bambini (dai 467 del 2020 ai 743 del 2021) e alle contemporanee diminuite donazioni, mancanza dei visitatori e volontari assenti causa pandemia,  con la contemporanea finalità di proiettare in futuro il Tabasamu C. nella capacità di autogestione. Ci vorranno diversi anni, ma abbiamo dato inizio, nella consapevolezza che Claudio non esisterà in eterno e che i benefattori italiani non debbano sentirsi obbligati per l’eternità. Sarà un procedimento lungo, ma è stato attivato. Lo sviluppo è quasi terminato, per cui il futuro sarà destinato alla sola ordinaria amministrazione della gestione.

Mercoledì 05 meeting della Manager Mary e del Preside Edward con tutti i maestri, per motivarli e farli partecipi al nuovo corso in cui si vuole prediligere la qualità alla quantità: abbiamo accresciuto il senso di appartenenza al Centro e ben motivati i maestri.  

Mercoledì 05 in banca Claudio ha rifatto il banker cheque di ksh. 10.000.- per avvenuta scadenza (senza aggravio di costi). Serve per ritirare alla Contea di Kilifi il CERTIFICATO FINALE DEL TABASAMU PRIMARY SCHOOL.

 

Mercoledì 05 il pulmino (school van) dal meccanico per sostituzione di bush frontali e un braccio (arm) alla ruota ant. sx e successivamente da Auto-Express per l’allineamento delle ruote e contemporanea sostituzione delle ruote posteriori con nuove (l’uso delle strade sterrate per prendere e portare a casa i bimbi, l’occupazione a pieno regime del mezzo, aggiungerei la velocità che i driver non diminuiscono, stanno rovinando il mezzo.

    

Mercoledì 05 acquisto di altre medicine: ogni 10 – 15 giorni dobbiamo comprarle. È da anni che Claudio chiede alla Contea di Kilifi-Ministero della Salute di darci le medicine gratis. Prima con Sidi, poi con Kalume ed ora con il Dr. Nelson Kaindi… la speranza è l’unica certezza.

 

Giovedì 06 prima giornata di vaccinazioni: da gennaio saranno 3 (anziché 2) per mese.

Giovedì 06, su richiesta del maestro Joseph (di nuovo responsabile delle attività sportive) abbiamo consegnato le scarpe da calcio con le calze, la nuova pompa per gonfiare i palloni, i fischietti: motivazioni necessarie per risollevare le prestazioni delle nostre squadre di calcio e prepararci al TROPHY MARISA 2022 che prevediamo di tenere a marzo o aprile, tra la fine del terzo trimestre anno scolastico 2021 e l’inizio dell’anno scolastico 2022 previsto il 25 aprile 2022.

 

Giovedì 06 e venerdì 07 abbiamo modificato il cancello principale, inserendo un’anta pedonale con una finestrella affinchè l’askari  (nuova guardia preposta alla sicurezza) possa vedere chi si avvicina prima di aprire il cancello. Abbiamo riverniciato il tutto:

 

Venerdì 07 grande acquisto di cibo (con i soldi pagati dai genitori): adesso lo store è ben messo, ma va continuamente alimentato:

 

Venerdì 07 alle ore 16,30 circa, nell’attesa del pulmino (school van) per il trasporto a casa, giocando con altre amiche compagne di Classe 3, nell’area adiacente il parcheggio dei visitatori, un’alunna è stata spinta e cadendo ha rotto al polso una delle ossa che lo compongono. Trasportata all’ospedale generale di Malindi, è stata ingessata. La nostra Manager Mary l’ha seguita sino alle dimissioni dall’ospedale (avvenute alle ore 20,15), accompagnata dai genitori dell’alunna. Claudio ha provveduto alle spese di trasporto e sanitarie (radiografie, gessatura, medicine antidolorifiche,…). Non è il primo caso e succederà ancora. I bimbi sono vivaci e tenerli sotto controllo non è facile, soprattutto nel contesto sociale di libertà a cui sono abituati e nell’educazione non oppressiva che viene esercitata al Tabasamu.

Sabato 08 abbiamo iniziato i lavori, finiti martedì 18, per creare un posto coperto all’askari a fianco del cancello per il controllo degli studenti, dei lavoratori e dei visitatori. Quest’ultimi devono firmare all’atto dell’ingresso con indicata l’ora, come pure all’uscita, la motivazione della visita, la carta d’identità,... Gli alunni non potranno uscire dal cancello se non per un motivo urgente, importante e solo con il permesso rilasciato dal Preside. L’intonaco quando sarà asciutto, verrà colorato.

 

Lunedì 10 meeting della Manager Mary e del Preside Edward con i genitori della Classe 8 per invitarli nuovamente a partecipare alle spese richieste: sono gli unici a non aver ancora dato niente. Infatti risulta difficile, soprattutto sul piano psicologico,  accettare di pagare spese quando hanno i loro figli da 10 anni senza aver mai pagato niente. Io stesso in dicembre e pure in precedenza, ho avuto occasione di spiegare. In fronte si dimostrano comprensivi e a parole aderiscono, ma all’atto pratico non vengono con i soldi … temporeggiano. Nonostante il tessuto sociale è identico, la babyclass e le 4 classi della nursery, insieme alle prime classi della Primary School stanno aderendo, con senso di responsabilità e maturità: ci dicono che non vogliono perdere il Tabasamu C. e riconoscono la valenza del Centro e il grande lavoro svolto da Claudio e dai benefattori italiani, in onore alla figura dell’indimenticata e amata Marisa.

 

Lunedì 10 Claudio ha accettato di aiutare una nuova studentessa orfana di nome Massy in classe 3 della Kaembeni Secondary School, pagando le school fees arretrate (ksh. 21.700) così da poter continuare gli studi. Mary ha conferito con il Preside precisando che Claudio vuole essere informato sull’andamento scolastico della ragazza. Oltre a Massy continuiamo ad aiutare Emmanuel (Università di Mombasa per laurea in ingegneria elettronica), un secondo Emmanuel (Università di Maseno per laurea in giornalismo), Tobias (Università di Machakos per laurea in Economia), Anna (Secondary School).

 

Lunedì 10 la consueta consegna di cibo alla nonna di Loyce che ora avviene ogni 10-15 giorni.

 

Martedì 11 sessione alla scuola di Kombo Boma (scuola governativa dove abbiamo iscritto i nostri alunni in numero inferiore ai 30 necessari per avere gli esami in Sede al Tabasamu) di Mary, Edwin e Safari nella scuola dove la nostra classe 8 svolgerà gli esami finali. Come ho già avuto modo di spiegare, non avendo un numero superiore di 30 alunni, per questo primo anno, abbiamo concordato l’espletamento degli esami con una scuola pubblica a noi vicina.

Mercoledì 12 Claudio ha aderito alle richieste di diversi nuovi loan (prestiti). Ne abbiamo in corso 14. Alcuni esempi: ad una nostra maestra (per riparare la propria casa), ad un maestro per pagare le spese sanitarie della moglie e da un nostro askari disperato in quanto nei giorni scorsi i genitori della moglie sono piombati in casa e hanno prelevato moglie e tre figli, portandoli via, in quanto il nostro lavoratore, in qualità di marito, ha interrotto da qualche mese il pagamento (che si protrae da diversi anni) ai genitori delle rate mensili per l’acquisto della moglie. Non è servito a niente riferire che è stato impegnato a costruire una casa locale (infatti nel 2021 Claudio gli aveva dato un prestito). Queste tradizioni incredibili, che ancora persistono, riguardo l’acquisto da parte dell’uomo che intende sposare la donna con cui vuole costruire una famiglia (lei consenziente per fortuna) è pazzesco al giorno d’oggi. Infatti il rapporto coniugale è vissuto in modo secondario rispetto al rapporto familiare. Nonostante i tanti anni di Kenya rimango ancora sconvolto per tali aspetti sociali ancora presenti.    

Mercoledì 12: con la corrente elettrica che viene tolta all’improvviso e poi rimessa in circolo (con un picco di voltaggio superiore ai 240 Volts) bruciano con facilità le lampadine: abbiamo dovuto cambiare le 5 del viale con nuove a led a basso consumo energetico (a costi alti in quanto prodotti all’estero).

Mary sta motivando un gruppo di ragazze per formare uno scout club del Tabasamu, composto da 20 componenti.

Mercoledì 12 il Vice Preside Edwin e Teacher Safari si sono recati a Marafa presso l’Ufficio del Ministero dell’Education per sbrigare pratiche riguardo l’esame di stato della Classe 8 (paragonabile ai nostri della scuola media inferiore).

Giovedì 13 altra sessione a Marafa della Manager Mary, Preside Edward, Vice preside Edwin e di Safari Assistente Preside per conferire con l’Officer del Ministero dell’Educazione. Claudio ha voluto organizzare il meeting per la presentazione del nuovo staff dirigenziale del Tabasamu all’ufficio di riferimento, in quanto il precedente Preside Habel ha cercato di sabotare il Tabasamu C., non solo con i genitori. Il nuovo gruppo dirigenziale è ben motivato e compatto: l’Officer soddisfatto.

Venerdì 14 abbiamo definito l’assunzione, in modo ponderato e selettivo (colloqui con Claudio, Mary, Edward e Edwin)  di  2 nuovi maestri. Prima bastava una telefonata di Sidi a suoi conoscenti, senza valutazione meritocratica, ma solo in base alla conoscenza. Ora Claudio chiede la valutazione e la condivisione di tutto il gruppo dirigenziale. Inoltre i primi 3 mesi vengono considerati come Test (casual), prima di essere confermati e diventare Permanent Worker.

Pagamento dell’advance salary (di solito avviene il 15) prima affidato a Sidi, ora direttamente effettuato da Claudio con la Manager Mary e l’occasione per Claudio per conoscere eventuali problematiche di ogni singolo lavoratore.

Sabato 15 acquisto di altri medicinali. Ci stanno costando troppo: Claudio continua a chiedere alla Contea (questa volta per tramite il dr. Nelson Kahindi) di aiutarci, ma non è facile. 

 

Lunedì 17 è venuta a trovarci Mama Kanze con Linet. Ogni mese diamo i soldi per il latte alla piccola

 

Lunedì 17 meeting con il Gender Project. Mary ha organizzato la donazione della divisa (uniform) per il senso di appartenenza del gruppo composto da 16 donne (2 assenti). Il nuovo nome: SOLIDARIETA WOMAN GROUP. Mary sta organizzando la partecipazione ad attività sociali per il WOMAN DAY (Festa della Donna) dell’ 8 marzo.   

 

Mercoledì 26, dopo una settimana di lavoro, completata la pulitura del grande appezzamento di terreno, affidata in totale a 12 persone di Kaembeni, tra cui diverse donne bisognose di lavoro. Prima con Sidi erano sempre gli stessi, ora finalmente ci sarà una rotazione sulle opportunità di offrire lavoro a chi ci fa richiesta.

 

 

 

 

Giovedì 27 incontro di Claudio (Director) e Mary (Manager) al Labour Office (ufficio preposto alla tutela dei lavoratori) di Malindi con Sidi (ex Assistente di Claudio), Habel (ex Preside ed ex Vice Preside) e Hellen (ex maestra Baby Class, poi askari diurno, poi cuoca per la Boarding Class 8), a seguito di lamentele espresse da Sidi.

Venerdì 28 il nostro Teachr Joseph nuovo responsabile sortivo del Cntro ha organizzato la partita di calcio femminile con un Team proveniente da un villaggio oltre Marafa. (con divisa celeste).

 

 

Sono in corso di realizzazione due opere previste: il pozzo per la captazione dell’acqua (inizio lavori previsto nella prima settimana di febbraio) e l’ Open-Space per Visitatori-Volontari/Museum al 1° piano (sopra la Reception), nel tetto makuti. Entrambe sono possibili grazie a donazioni già ricevute nel 2021 dallo Staff della Fondazione Rockefeller-Bellagio Center per il pozzo e grazie alla donazione personale di Nadia G. dello Staff della Fondazione Rockefeller per la seconda opera, in cui Claudio ha donato parte dell’arredamento oltre a statue, maschere, sculture, … che costituiranno il museo etnico Giriama. L’arrivo dei reperti artistici ha prodotto da subito ammirazione da parte dei nostri alunni.

 

 

 

Ecco lo spazio di 12 mt. x 8 mt. sopra la Reception ricavato nel tetto makuti. Al momento è un cantiere in corso di finitura:

 

SOPRA: la cucina. SOTTO: la zona pranzo

 

SOTTO: gli armadi-espositori di maschere e oggettistica tribale Giriama

 

SOTTO: una grande mensola semicircolare per appoggio oggettistica.

 

SOTTO: uno dei due divani-letto.

 

SOTTO: il bagno in corso di allestimento

 

Stiamo completando i lavori manutenzione: ripitturazione con smalto verde di opere in ferro, ormai arrugginite. 

    

Sabato 29 alle ore 16,30 circa due ragazzi della Classe 8, che sono ospiti al Tabasamu con la formula Boarding School, sono usciti dal Centro utilizzando lo spazio libero dove sorge la chiesa.  Sono rientrati la domenica pomeriggio. Siamo venuti a conoscenza di questo grave episodio solo lunedì 31. Abbiamo organizzato meeting con i genitori martedì 01.02….  

 

Le piante di eucalipto RESISTONO, nonostante la siccità:

 

 

Claudio ha donato la televisione, lo stereo e il lettore DVD che aveva al Royal Tulia: dopo la scomparsa di Marisa non ha più usato. Il tecnico Francis sta riparando il televisore. Al momento sono stati posti nell’ufficio del Preside, ma la destinazione finale prevista è al Tabasamu Hall.

 

VISION 2030

È UFFICIALE: SIAMO ENTRATI NELLA SECONDA FASE DELLA VITA DEL TABASAMU CENTRE: LA PRIMA è INIZIATA NEL 2009 (per il vero l’inizio è stato nel 2006 con l’acquisto da parte di Claudio del primo appezzamento di terreno) ED è DURATA FINO AL 2020, QUINDI è DURATA 11 ANNI. L’ANNO 2021 è STATO DI TRANSIZIONE, CON LO STRAORDINARIO AUMENTO DI NUMERO DEGLI ALUNNI (mai abbiamo pensato oltre 500, invece abbiamo oltrepassato i 700) E L’INIZIO DELLA MODESTA PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITA’ ALLE SPESE DI GESTIONE. DAL 2022 SI CONSOLIDERA’ SEMPRE PIU’ LA PARTECIPAZIONE DEI FRUITORI, IN CRESCITA DI ANNO IN ANNO. LAVORIAMO AFFINCHE’ ENTRO IL 2030 IL TABASAMU CENTRE POSSA ESSERE AUTOSUFFICIENTE NELLO SVOLGIMENTO DELLA  SUA ATTIVITA’ SOLIDALE. MA IN QUESTI OTTO ANNI CHE CI SEPARANO DAL 2030 CLAUDIO, CON I  BENEFATTORI ITALIANI, SARA’ MOLTO IMPEGNATO PER DAR SEGUITO A QUESTA MISSIONE: NON ABBANDONATECI. IL TRAQUARDO DARA’ COMPIMENTO AL “SOGNO DI MARISA. CLAUDIO HA IN SERBO ALTRE SORPRESE NEL PROSSIMO PERIODO PER CONSOLIDARE IL FUTURO DEL TABASAMU C., MA AFFINCHE’ POSSA REALIZZARSI è BENE CHE SE NE PARLI A OBIETTIVI RAGGIUNTI …CONTINUATE A SEGUIRCI…LE SORPRESE NON MANCHERANNO.  Staff Tabasamu Centre of Kaembeni

 

IL PROGETTO DEL NUOVO DORMITORIO al TABASAMU CENTRE - KAEMBENI

Non serve più riproporlo: il 31 dicembre è scaduto il periodo previsto per ls raccolta fondi, CHE NON C’E’ STATA. Pertanto a fine marzo 2022 si completerà l’esperienza della Boarding School (svolta dalla fine luglio 2021 alla fine marzo 2022) al Tabasamu Centre. A meno che sopraggiunga un miracolo …  

 

AL MOMENTO NON è ANCORA POSSIBILE VENIRE A VISITARE IL TABASAMU CENTRE, STARE CON I BIMBI E SVOLGERE ATTIVITA’ DI VOLONTARIATO, MA CI AUGURIAMO CHE NEL CORSO DEL 2022, LO SARA’ (Ministro Speranza e varianti Covid-19 permettendo). Il Kenya, nel frattempo si sta vaccinando.

I voli possibili: Charter con Neos e Condor, voli di linea con Ethiopian Airlines, Qatar, Emirates, KLM,

TURISMO RESPONSABILE o se preferite TURISMO SOLIDALE o se volete TURISMO ESPERIENZIALE, ecco cosa VI PROPONIAMO: VIVERE UN’ESPERIENZA UNICA AL TABASAMU CENTRE a Kaembeni e al ROYAL TULIA HOME a Malindi, con CLAUDIO, Chairman di SOLIDARIETA KENYA ONLUS. Insieme in un mix di ESPERIENZE UMANE e SOCIALI, in cui i sentimenti e le emozioni vengono esaltate, interagendo con i nostri 650 bambini, unitamente al relax in spiaggia nei week end all’Oceano Indiano o in Savana per un safari fotografico, oppure a visite culturali (la cucina del diavolo a Marafa, le Rovine di Gede, il Falconario, Vasco Da Gama Pillar, Museo di Malindi,…) ed altre interessanti gite. Una permanenza che di sicuro Vi arricchirà di contenuti, di umanità, di condivisione, partecipando ad un progetto sostenibile, da vivere con sobrietà, essenzialità, di lotta allo spreco. Il ROYAL TULIA HOME è pronto a riceverVi con una cucina rinnovata, con prodotti naturali, … per farVi star bene, perché “far del bene … fa bene, … a sé stessi, anzitutto”.

 

L'ordinanza del Ministero della Salute Speranza, che è entrata in vigore da martedì 1° febbraio fino a tutto il 15 marzo 2022, non cambia di fatto le restrizioni per i paesi di fascia E di cui il Kenya fa parte. Ovvero la fascia che raggruppa le nazioni nelle quali i cittadini italiani non possono recarsi per turismo. Per entrare in Kenya è necessario presentare all’aeroporto di Nairobi o Mombasa il Tampone PCR (non sierologico, non altro tipo di analisi) effettuato non più di 72 ore, a partire dalla data del prelievo prima della partenza per il Kenya (regola modificata il 16 gennaio 2022). ANCHE PER I POSSESSORI DI GREEN PASS perché al momento non ci sono accordi bilaterali tra i due Paesi e nemmeno tra Unione Europea e Unione Africana o singoli paesi. DAL 21 DICEMBRE, NONOSTANTE UNA RICHIESTA DI SOSPENSIONE DELLA DIRETTIVA DA PARTE DELL'ALTA CORTE, E' PERMESSO L'INGRESSO IN KENYA SOLAMENTE AI POSSESSORI DI CERTIFICATO VACCINALE. I MINORI DI 18 ANNI SONO ESENTATI. CON QUESTI REQUISITI NON CI SARA' BISOGNO DI QUARANTENA IN KENYA.
QR CODE: Bisogna ottenere il codice QR che verrà scansionato dalle autorità keniane per avvertire il Ministero della Salute ed altri uffici della vostra presenza sul territorio keniano. Lo potete ottenere compilando ed inviando questo PASSENGER LOCATOR FORM: https://ears.health.go.ke/airline_registration/

Essendo la percentuale dei vaccinati con seconda dose molto bassa, vige ancora l’obbligo di indossare la mascherina nei luoghi pubblici e nei negozi, ed in ogni situazione di incontro, dove peraltro resta consigliato rispettare le distanze sociali di almeno 1.2 metri. All'ingresso di ogni attività, è inoltre obbligatorio misurare la temperatura corporea di chi entra e invitarlo a disinfettarsi le mani.

 

La popolazione mondiale ha superato 8 miliardi. Lo dice il contatore (attivo 24 ore su 24) del sito Neodemos, animato, tra gli altri, da demografi del calibro di Massimo Livi Bacci, Gianpiero Dalla Zuanna e Alessandro Rosina. Lo sfondamento del muro degli otto miliardi è avvenuto esattamente mercoledì 19 gennaio alle ore 15, secondo il sito. Un dato impressionante, se si pensa che eravamo 4 miliardi nel 1974 e 7 miliardi nel 2011. Un trend frutto dei progressi della medicina, innanzitutto, e del relativo miglioramento delle condizioni di vita. Per il futuro, le previsioni delle stesse Nazioni Unite, sono di un declino demografico dell’Occidente: Europa, Nord America, Australia e Giappone resteranno ferme a 1,3 miliardi complessivi, con gli over 65 che entro il 2050 supereranno gli under 25, mentre la popolazione mondiale aumenterà di 2 miliardi arrivando a 10, a vantaggio di Africa e Asia.

 

La corruzione è presente nel mondo, con un gap notevole fra Nord e Sud. È la diagnosi del Corruption Perceptions Index 2021, stilato da Transparency International, secondo cui diritti umani e democrazia sono minacciati ovunque. «Da un lato, la corruzione facilita la violazione dei diritti umani», «d’altra parte, quando i diritti e le libertà fondamentali della popolazione sono limitati, è più probabile che la corruzione non venga denunciata. Le libertà fondamentali di associazione e di espressione sono cruciali nella lotta per un mondo libero dalla corruzione». In fondo alla "classifica della corruzione" Sudan del Sud, Siria, Somalia, Venezuela, Yemen. In cima (i più «onesti») Danimarca, Finlandia, Nuova Zelanda, Norvegia. L’Italia è al 53° posto.

 

 

 

NOTIZIE DAL KENYA

 

ELEZIONI KENYA in AGOSTO 2022: l’ultimo sondaggio effettuato da Radio Africa Group conferma la tendenza al possibile ballottaggio. Nessuno dei due candidati infatti avrebbe la maggioranza assoluta che permetterebbe di formare il nuovo Governo senza alleanze. Odinga ha ulteriormente ridotto il gap che lo separa da Ruto, sempre in vantaggio nel consenso popolare. Non sembrano esserci candidati terzi che possano ambire a diventare aghi della bilancia, semmai il colpo lo farebbe chi riuscisse a portare dalla sua l’intera alleanza OKA, composta da Musalia Mudavadi (2,4%) che rappresenta l’etnia Luhya, Kalonzo Musyoka (1,4%) kamba e dal figlio del secondo presidente del Kenya, Gideon Moi attestato poco sotto l’un per cento. aumenta il fronte dei delusi e di chi non si recherà alle urne per protesta, iniziando come accadde anni fa in Italia a considerare i politici una casta di privilegiati e disinteressandosi dei loro giochi di potere.
Tra questi sono soprattutto i giovani a dichiarare che non andranno a votare e a far supporre manifestazioni di protesta a ridosso degli ultimi mesi di campagna elettorale. Sia Ruto che Odinga sembrano sulla stessa linea: prima di tutto elezioni pulite e senza quelle recriminazioni che nelle passate tornate hanno portato parte del paese al caos.

 

Un importante accordo di cooperazione tra Italia e Kenya che riguarda l’area di Malindi e particolarmente la sottocontea di Magarini (dove si trova il Tabasamu Centre), come ha spiegato l’Ambasciatore d’Italia in Kenya Alberto Pieri dopo la firma, avvenuta mercoledì 26 gennaio a Nairobi alla presenza del Ministro del Tesoro Ukur Yatani e del direttore per il Kenya dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (AICS) Fabio Melloni, per il finanziamento e la realizzazione della seconda fase del “Malindi Integrated Social-Health Development Program”. È un prestito agevolato di 6,4 milioni di euro e mirerà a migliorare le condizioni di vita della popolazione, attraverso una serie di progetti che contribuiranno allo sviluppo socio-economico. Tali progetti includeranno l'istruzione, la salute, l'acqua potabile e la rete di trasporto. In particolare, uno dei progetti principali riguarda la costruzione di una strada asfaltata di 11,5 km nella penisola di Ngomeni, (dove si trova la Base Spaziale italiana S. Marco) che collegherà il paese che si affaccia sulla baia di Ungwana all’autostrada Malindi-Lamu.

 

CORONAVIRUS e VACCINAZIONI IN KENYA

 

BOLLETTINO 21.12: Da oggi per chi arriva in Kenya, obbligo di Green Pass, mentre per chi si muove nel paese e vuole accedere a servizi pubblici o governativi, basterà la prova della prima dose somministrata. Tutti i viaggiatori in arrivo nel paese saranno comunque tenuti ad avere un PCR Covid-19 negativo preso 96 ore prima dell'arrivo nel paese.

I cittadini keniani che non hanno almeno un vaccino alle spalle, già da oggi.non sono stati fatti salire sui voli nazionali e da domani i controlli proseguiranno anche sui treni della ferrovia veloce Nairobi-Mombasa. La stretta per convincere la popolazione ad iniziare il percorso vaccinale. la direttiva del Governo dovrà essere rispettata anche per le seguenti attività, che saranno sottoposte a controlli occasionali: PARCHI HOTEL RISTORANTI BAR VOLI NAZIONALI FERROVIE VEICOLI PER TRASPORTO PASSEGGERI Si vuole estendere anche a banche e supermercati ed in genere ogni attività che possa contenere più di 50 clienti per volta. Gli organizzatori di eventi devono assicurare che tutti i protocolli emessi dal Ministero della Salute siano osservati. Tutti i partecipanti devono fornire un certificato di vaccinazione. il Kenya è ancora molto indietro rispetto agli standard internazionali e questo ha reso la variante omicron più pericolosa e contagiosa che in altre zone. Non a caso la percentuale dei contagiati per tampone è salita vertiginosamente in pochi giorni, arrivando alle soglie del 30%.

Dal 23 dicembre 2022, oltre ai già citati obblighi di ingresso in Kenya con certificato vaccinale, c’è anche l’accorciamento della validità del tampone PCR che rimane obbligatorio per tutti, anche vaccinati e anche per i minori di 18 anni (fino a bambini di 5 anni di età). Se prima il tampone poteva avere validità di 96 ore dall’arrivo in uno degli aeroporti keniani, adesso i tempi si restringono a 72 ore, però dalla partenza.

BOLLETTINO 03.01: Da oggi, in buona parte del Kenya, si parte con i cosiddetti “booster” ovvero le terze dosi di richiamo del vaccino anti Covid-19, per chi ha ricevuto la seconda dose almeno sei mesi fa. Il numero di chi è completamente vaccinato è inferiore ai 5 milioni.

BOLLETTINO 11.01: la variante sudafricana Omicron si è rivelata molto più leggera di quella occidentale, e quasi tutti gli individui trovati positivi si sono rivelati asintomatici. Il Kenya Research Medical Institute parla del 95%, con il 70% circa di variante Omicron.

BOLLETTINO 16.01: I vaccinati totali salgono a 10 milioni 974 mila. Nei primi giorni dell’anno le vaccinazioni sono andate abbastanza a rilento: i vaccinati con le due dosi (Pfizer, AstraZeneca e Moderna) sono 4 milioni e 704 mila, mentre quelli che hanno ricevuto solo la prima dose sono 6 milioni e 165 mila circa. Ogni giorno vengono scoperti casi di risultati falsi di negatività al Covid-19, specialmente riscontrati in viaggiatori in uscita dal Kenya. Sabato altre 12 persone sono state arrestate all'aeroporto internazionale Jomo Kenyatta (JKIA) dopo aver prodotto certificati falsi mentre cercavano di recarsi in Arabia Saudita. Un laboratorio di Nairobi è già sotto investigazione da parte del Directorate of Criminal Investigation, per emissione di falsi QR code TT (Trusted Traveler).

BOLLETTINO 25.01: 4 i morti per il virus, di cui uno è italiano: un anziano in vacanza a Zanzibar, trasferito d’urgenza al Nairobi Hospital nel reparto di terapia intensiva, non ce l’ha fatta. Da quanto trapela dall'ospedale della capitale il cittadino italiano era assicurato, ma nonostante abbia potuto accedere alle migliori cure possibili per l’Est Africa, il virus per lui, anche a causa dell'età avanzata, è risultato fatale. Restano in tutto il Kenya 711 pazienti ricoverati in nosocomi del paese, mentre 5.563 sono sotto il programma di isolamento e cura a domicilio. Sono 37 i pazienti ricoverati nelle unità di cura intensiva, 35 di loro sul supporto ventilatorio. Altri 155 pazienti sono sotto ossigeno supplementare e 154 di loro sono nei reparti generali. Per quanto riguarda i vaccini, sono 11.625.788 le dosi somministrate, mentre 5 milioni e 132 mila keniani o residenti hanno ricevuto anche il secondo vaccino. Intanto circa 120 mila persone hanno già avuto accesso al booster, la terza dose che dal 6 gennaio scorso è possibile ottenere, se si è stati vaccinati completamente da almeno 6 mesi.

 

GRAZIE A TUTTI COLORO CHE HANNO DEDICATO IL PROPRIO TEMPO PER AVERMI SEGUITO SIN QUI, PER CONTINUARE AD AIUTARCI, A PENSARCI, A VOLERCI BENE… A TUTTI UN GROSSO ABBRACIO, DA CLAUDIO from Tabasamu Centre

PER SOSTENERCI CON LE DONAZIONI RICORDATEVI PER FAVORE IL:

Nuovo IBAN: IT94K0306951270100000064816 


intestato a Solidarietà Kenya Onlus

2022  Solidarietà Kenya Onlus