Il nostro stile

Solidarietà Kenya Onlus nella gestione dei suoi progetti segue le seguenti regole fondamentali:

• Svolgere l’attività solidale in modo da mantenere l’azione su base esclusivamente volontaristica, al fine di eliminare i costi gestionali e non disperdere il denaro ricevuto in beneficenza, che viene usato allo sviluppo e mantenimento del TABASAMU CENTRE. Anche i componenti del board dell’Associazione sono volontari, che si mettono a disposizione donando tempo e spese a proprio carico.

• L’attività solidaristica è rivolta alla comunità di Kaembeni o Majengo(dir si voglia), situata nell’entroterra malindino (distante 25 km), in una zona rurale molto povera. L’attività scolastica è dedicata ai bambini dai due anni e mezzo ai 15 anni, con la scuola materna (nursery), scuola elementare e medie inferiori (primary school). Mentre l’attività sanitaria è rivolta a tutte le età, in particolare bambini e anziani.Il management,composto ed espresso esclusivamente dal territorio africano, viene coadiuvato (in alcuni momenti dell’anno) dai volontari italiani, selezionati in base alle conoscenze e professionalità.

• L’impegno solidale viene esplicato su diversi fronti, avendo cura di considerare il bambino al centro dei nostri interessi eoffrendo assistenza a 360° fornendo cibo, vestiti, assistenza sanitaria, educazione, attività extra scolastiche, di intrattenimento e formazione.

• Dal 2015 si è sviluppato un programma di collaborazione attiva con la comunità locale, al fine di eliminare i muri tra noi e loro e far partecipare i “locali” alla crescita del Centro, attraverso la cultura (lo scambio culturale tra la società occidentale evoluta e quella rurale africana) creando l’anello di giunzione tra noi, riducendo le distanze e differenze culturali. Inoltre la collaborazione con la Diocesi di Malindi, nella persona del Vescovo Emmanuel Barbara, con l’inserimento di suore keniote della congregazione Francescane del Sacro Cuore di Gesù. Infine è partito un programma sportivo che ha visto la realizzazione di un campo di calcio, un campo basket, un campo pallavolo e vedrà una pista atletica, un percorso vita, un campo da tennis e una piccola piscina.

• Dal 2016 è iniziata una blanda attività di oratorio nei weekend (manca il personale adeguato) da valorizzare per attrarre i giovani. Inoltre una collaborazione con le altre scuole materne del distretto per giochi della gioventù e la possibilità di fruire del Tabasamu Hall (salone eventi) alle organizzazioni no profit e le istituzioni locali. Infine lo sviluppo dei servizi offerti nel settore sanitario, con un piccolo laboratorio analisi, un reparto maternità e uno fisioterapico.

• Dal 2017 è iniziata un’attività di conferenze (in lingua inglese) rivolta ai giovani della zona (Majengo, Magarini, Marafa), espletata dai volontari italiani, nelle diverse tematiche, di cui i volontari hanno padronanza conoscitiva.

L’impegno a fianco della comunità locale specialmente a favore dell’infanzia, ha permesso all’Associazione di sviluppare forti legami di stima e di fiducia non solo con coloro che ci sostengono ma anche con gli abitanti del villaggio di Majengo. Con la costruzione del Tabasamu Centre, il “centro del sorriso” per bimbi bisognosi, l’Associazione Solidarietà Kenya Onlus è sempre più profondamente inserita nel contesto locale grazie alle sue attività di animazione, assistenza sociale, educazione e formazione, diventando un punto di riferimento all’interno del villaggio non solo per i bambini, ma per tutti gli abitanti della zona.

La fondatrice e ispiratrice dell’Associazione MARISA BENAGLIA (improvvisamente mancata il 27.07.14) rimane sempre nei cuori di tutti noi e della popolazione di Majengo. La circolazione di idee, lo scambio di esperienze e la comunione di impegno con la gente locale e con gli amici volontari italiani sono fondamentali per favorire uno sviluppo duraturo. La struttura è e diventerà sempre di più un centro di riferimento e di incontro per gli abitanti della zona, perché fornirà ai ragazzi, donne e giovani concrete possibilità di informazione, formazione e confronto, integrandosi così pienamente nella realtà territoriale locale. L’ istruzione scolastica che viene offerta ai bambini è solo un aspetto all’interno di un più complesso progetto di formazione e valorizzazione della persona.

Gli obiettivi del progetto solidale sono:

• Soddisfare i bisogni di base, assicurare educazione, cibo, … un riferimento, fornendo competenze utili per una loro futura autonomia. La scuola è quindi uno dei pilastri su cui si costruisce il futuro di questi minori. All’interno del centro non si offre una semplice istruzione scolastica, ma anche un progetto per una istruzione completa, che viene ritenuta indispensabile per creare i presupposti di una futura autonomia e indipendenza economica.

E in un prossimo futuro:

• Fornire un’alternativa al termine della scuola primaria: l’Associazione avvierà corsi di formazione (attività di sartoria, saloon, di informatica, di falegnameria, meccanica, etc.), aperto ai ragazzi esterni al Centro. Il progetto vuole valorizzare le capacità professionale degli erbesi e limitrofi che possono essere trasfuse attraverso i lavori artigianali che verrebbero ad insegnare ai ragazzi del centro del Tabasamu, ampliando così conoscenze sui mestieri e dando un futuro ai ragazzi che non possono frequentare la scuola secondaria (liceo).Le figure richieste sono: idraulico, elettricista, falegname, carpentiere, informatico, fabbro, estetista, cuoca, sarta, parrucchiere, agricoltore, giardiniere. La permanenza prevista è di un mese per poter dare le prime nozioni di base e poi proseguire con altri due mesi distribuiti nel corso dei due anni successivi.

 

 LA NOSTRA STORIA

SOLIDARIETA’ KENYA ONLUS HA CREATO IL “TABASAMU CENTRE” (CENTRO DEL SORRISO) A KAEMBENI/MAJENGO – MAGARINI DISTRICT - KENYA

Tutto è iniziato nel 2004, quando nostra figlia Barbara ha avuto un grave incidente automobilistico e mentre era sull’elicottero del 118, per essere trasportata con urgenza all’ospedale S. Anna di Como, non sapendo le condizioni, comunque gravi, abbiamo pregato Dio per salvare nostra figlia e Marisa ha promesso di aiutare i bambini bisognosi del Kenya (località che già raggiungevamo dagli anni ’90), chiedendomi il consenso partecipativo (a cui ho aderito). Dopo diversi interventi chirurgici e tanta fisioterapia eseguita da Marisa, nostra figlia Barbara ha ripreso a camminare e a parte alcune attività sportive che non può effettuare, per il resto è guarita ed ha una vita normale.

Siamo andati a cercare un’area rurale, un villaggio povero bisognoso di aiuto. Abbiamo scelto Kaembeni, nel distretto di Magarini, sulla strada per Marafa, a 25 km.da Malindi, nell’ entroterra, quindi nel 2006 abbiamo comprato un primo lotto di terreno di 2 acri e nel 2009 abbiamo inaugurato il primo edificio, chiamato Children Home (casa dei bambini). Dal secondo semestre del 2009 ci siamo trasferiti in Kenya, chiudendo le nostre attività di fisioterapista e di architetto, per seguire l’attività solidale, ponendo i bambinibisognosi al centro del nostro interesse.

Nel 2008 Marisa ha costituito l’Associazione SOLIDARIETA KENYA ONLUS con sede ad Erba (Co).

Nel 2010, con l’aiuto di amici italiani, abbiamo costruito un piccolo dispensario e organizzato con il dottor Nelson (del dispensario di Marikebuni), un servizio sanitario per i nostri bambini, esteso anche alla popolazione di Kaembeni e Magarini. Successivamente abbiamo allestito una seduta dentistica, con l’aiuto di un amico dentista italiano.

Negli anni a seguire abbiamo costruito 4 classi di scuola materna e provvediamo all’istruzione, alla sanità e al cibo. Abbiamo costruito una piccola stalla per il ricovero di 30 capre e alcune galline, abbiamo due mucche, anche una lavanderia e stireria con servizi igienici.Abbiamo costruito un edificio ad uso shop dove, con una macchina da cucire, facciamo i vestiti per i bambini bisognosi, una piccola biblioteca dove facciamo corsi per imparare ad usare il computer e un porticato per ricevimento visitatori e volontari italiani. Nel 2009 abbiamo acquisito anche un altro terreno adiacente di 3 acri su cui abbiamo costruito sette classi della primary school(ne manca ancora una).Nel 2013 abbiamo aggiunto un altro terreno adiacente di 3 acri per la coltivazione di mais e verdure, che ci aiuta all’auto sostentamento del Centro. Nel 2014 abbiamo creato una zona giochi: altalena, girello, scivolo, … per trattenere i bambini della scuola materna dopo le lezioni scolastiche, mentre nel 2015 un campo di calcio, basket, volley ed ora è in costruzione una pista di atletica. Abbiamo costruito il Tabasamu Hall per i nostri eventi, una mostra permanente, gli uffici scolatici con mensa.Nel 2016 una chiesa eil laboratorio analisi, nel 2017 il reparto maternità, mentre dobbiamo costruire il reparto fisioterapico, nel 2018.

Le principali attività che svolgiamo riguardano:

- Istruzione con la scuola materna, con la scuola elementare e medie inferiori, con 335 bambini, in aumento ogni anno. - Assistenza sanitaria con il dispensario, anche per casi urgenti esterni, con visite specialistiche a Malindi, Mombasa e Nairobi. Corsi tenuti dal dr. Nelson per mamme incinta, di igiene personale, HIV, …. Corsi per l’uso del computer e corsi di cucito per le bambine. Dopo scuola con attività di gioco e intrattenimento dei bambini anche esterni al Tabasamu Centre, in particolare nel periodo delle vacanze (aprile – agosto – dicembre) con l’ausilio di volontari italiani. Aiuti esterni alle famiglie bisognose con la costruzione di case locali. Paghiamo inoltre le school fees della secondary School a ragazzi meritevoli.

Marisa purtroppo ci ha lasciato il 27 luglio 2014 e proseguiamo l’attività solidale, con l’aiuto di tanti amici benefattori, volontari italiani che ci sostengono, ci aiutano e mi danno la forza di continuare e completare il “progetto di vita”, così lo chiamava Marisa, che ci ha portato qui in Kenya.

A tutti manca l’amore con cui Marisa assisteva i bambini, lei era e rimane “l’anima dell’Associazione SOLIDARIETA KENYA ONLUS”. Sempre protesa verso gli altri, i bisognosi, i bambini in particolare, ci ha lasciato l’insegnamento, la forza, la tenacia, l’amore che dobbiamo avere verso gli altri, verso i più deboli e bisognosi.

Seppur in Italia tante persone continuano ad aiutarci, permettendoci di continuare e completare l’opera che Marisa ha voluto con tutte le sue forze, per il bene e la crescita dei bambini kenioti, i soldi non sono mai sufficienti ed ora stiamo cercando fondi per il completamento dello sviluppo del Centro.

AIUTATECI, SE POTETE!!! GRAZIE!!!

Claudio Benaglia

2018  Solidarietà Kenya Onlus